JoomlaTemplates.me by WebHostArt.com
Pubblicato: Giovedì, 12 Aprile 2018

Pubblicato il DM recante gli schemi di contratti tipo per le garanzie fideiussorie

Sul supplemento ordinario n. 16 alla Gazzetta ufficiale n. 83 del 10 aprile 2018 è stato pubblicato il decreto del Ministero dello sviluppo economico 19 gennaio 2018, n. 31recante “Regolamento con cui si adottano gli schemi di contratti tipo per le garanzie fideiussorie previste dagli articoli 103, comma 9 e 104, comma 9, del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50”.

Il Regolamento entrerà in vigore il 25 aprile 2018 e da attuazione agli articoli 103 comma 9 e 104 comma 9 del Codice.

All’articolo 1 del provvedimento è precisato che:

  • le garanzie possono essere rilasciate anche congiuntamente da più garanti. In tale caso, le singole garanzie possono essere prestate sia con atti separati per ciascun garante e per la relativa quota, sia all’interno di un unico atto che indichi tutti i garanti e le relative quote. La suddivisione per quote opera nei rapporti interni ai garanti medesimi fermo restando il vincolo di solidarietà nei confronti della stazione appaltante o del soggetto aggiudicatore;
  • le quote congiuntamente considerate e indicate nelle singole garanzie, ovvero indicate unitariamente nell’unico atto, corrispondono, in ogni caso, all’importo complessivo garantito;
  • le garanzie fideiussorie devono essere conformi agli schemi tipo contenuti nell’«Allegato A - Schemi Tipo», al decreto stesso.

L’allegato A al decreto contiene:

  • la normativa di riferimento per le garanzie fidejussorie;
  • le definizioni
  • lo schema tipo per la Garanzia fideiussoria provvisoria nel caso di Lavori, servizi e forniture
  • lo schema tipo per la Garanzia fideiussoria provvisoria costituita da più garanti nel caso di Lavori, servizi e forniture;
  • lo schema tipo per la Garanzia fideiussoria per la cauzione definitiva nel caso di Lavori, servizi e forniture;
  • lo schema tipo per la Garanzia fideiussoria per la cauzione definitiva costituita da più garanti nel caso di Lavori, servizi e forniture;
  • lo schema tipo per la Garanzia fideiussoria per l’anticipazione (Lavori);
  • lo schema tipo per la Garanzia fideiussoria per l’anticipazione costituita da più garanti (Lavori);
  • lo schema tipo per la Garanzia fideiussoria per la rata di saldo (Lavori, Servizi e Forniture);
  • lo schema tipo per la Garanzia fideiussoria per la rata di saldo costituita da più garanti (Lavori, Servizi e Forniture);
  • lo schema tipo per la Garanzia fideiussoria per la risoluzione (Lavori) (Affidamento al Contraente generale o appalto di particolare valore, se prevista dal Bando o dall’Avviso di gara);
  • lo schema tipo per la Garanzia fideiussoria per la risoluzione costituita da più garanti (Lavori) (Affidamento al Contraente generale o appalto di particolare valore, se prevista dal Bando o dall’Avviso di gara);
  • lo schema tipo per la Garanzia fideiussoria di buon adempimento (Lavori) (Affidamento al Contraente generale o appalto di particolare valore, se prevista dal Bando o dall’Avviso di gara);
  • lo schema tipo per la Garanzia fideiussoria di buon adempimento costituita da più garanti (Lavori) (Affidamento al Contraente generale o appalto di particolare valore, se prevista dal Bando o dall’Avviso di gara);

L’allegato B al decreto contiene:

  • le schede tecniche relative all’Atto di fideiussione (se Garante Banca o Intermediario finanziario) e la Polizza fideiussoria (se Garante Impresa di assicurazione) ai sensi dell’art. 93, comma 1, del d.lgs. n. 50/2016;
  • le schede tecniche relative all’Atto di fideiussione (se Garante Banca o Intermediario finanziario) e la Polizza fideiussoria (se Garante Impresa di assicurazione) ai sensi dell’art. 103, comma 1, del d.lgs. n. 50/2016;
  • le schede tecniche relative all’Atto di fideiussione (se Garante Banca o Intermediario finanziario) e la Polizza fideiussoria (se Garante Impresa di assicurazione) ai sensi dell’art. 35, comma 18, del d.lgs. n. 50/2016;
  • le schede tecniche relative all’Atto di fideiussione (se Garante Banca o Intermediario finanziario) e la Polizza fideiussoria (se Garante Impresa di assicurazione) ai sensi dell’art. 103, comma 6, del d.lgs. n. 50/2016.

MIT: dal 18 aprile DGUE solo elettronico

Con comunicazione pubblicata sul proprio sito, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti rammenta che dal 18 aprile il Documento di gara unico europeo (DGUE) è disponibile esclusivamente in forma elettronica, nel rispetto di quanto previsto dal Codice dei contratti pubblici (art. 85, comma 1).

Per le procedure di gara bandite dal 18 aprile, le stazioni appaltanti predisporranno ed accetteranno il DGUE in formato elettronico secondo le disposizioni del DPCM 13 novembre 2014.

I documenti di gara dovranno contenere le informazioni sullo specifico formato elettronico del DGUE, l’indirizzo del sito internet in cui è disponibile il servizio per la compilazione del DGUE e le modalità con le quali il DGUE elettronico deve essere trasmesso dall’operatore economico alla stazione appaltante.

Dal 18 ottobre, il DGUE dovrà essere predisposto esclusivamente in conformità alle regole tecniche che saranno emanate da AgID ai sensi dell’art. 58 comma 10 del Codice dei contratti pubblici.

Per tutte le procedure di gara bandite a partire dal 18 ottobre, eventuali DGUE di formati diversi da quello definito dalle citate regole tecniche saranno considerati quale documentazione illustrativa a supporto.

I requisiti di integrità, autenticità e non ripudio del DGUE elettronico devono essere garantiti secondo quanto prescritto dal Codice dell’Amministrazione digitale di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82.